BORA BORA, TRA LAGUNA BLU E VULCANI

E poi c’è lei, la perfetta personificazione della leggenda polinesiana, l’immancabile tappa di un viaggio nei Mari del Sud: Bora Bora. Emersa dalle onde come Venere, circa tre milioni di anni fa, si estende per soli 38 chilometri quadrati: un piccolo paradiso verde e blu, che racchiude una barriera corallina dove nuotano più di 700 specie di pesci tropicali, una lunga serie di isolotti (motu) e una grandiosa laguna creata dal lento sprofondare del vulcano Otemanu. Di questa montagna sono rimasti solo 727 metri: ricoperti di fitta vegetazione tropicale, vegliano come una sentinella l’intera isola e, da ogni angolo, si rispecchiano nelle acque azzurre.

Qui si trovano gli alberghi più spettacolari e romantici, classica meta da Luna di Miele, tanto da vantare tutti originali cappelle dove ci si può sposare (seguendo una particolare procedura, il matrimonio oggi è riconosciuto anche in Italia: info www.tahiti-tourisme.it ). Primo fra tutti l’esclusivo Intercontinental Bora Bora Resort and Thalasso Spa (bungalow da 539 euro, Emerald Overwater Villa da 956 euro). È celebre per le sue 80 eleganti ville-palafittadall’immancabile pavimento di vetro che, viste dall’alto, formano nella laguna il disegno di due gigantesche chele di granchio. E per la sua Deep Ocean Spa, considerata la più bella e raffinata della Polinesia, che propone trattamenti unici, realizzati con acqua marina purissima prelevata a più di 900 metri di profondità. Gli interni non sono poi da meno: a cominciare dal Bubbles Bar, disegnato da Philippe Starck, con vista sull’Otemanu, dove si gusta il migliore mai tai dell’isola (l’alcolicococktail locale proposto in infinite varianti, a base di rum chiaro, rum scuro e frutta tropicale). Il resort va anche giustamente fiero del suo ecologico impianto di aria condizionata: realizzato con acqua di mare, consente di risparmiare il 90 per cento dell’energia rispetto a uno tradizionale.
Sono invece le tartarughe il fiore all’occhiello del Meridien Bora Bora (bungalow da 529 euro), altro raffinato resort composto da un centinaio di ville-palafitta, che ha creato un Turtle Sanctuary. Qui si vede come vengono curate le tartarughe ferite e, i più appassionati, possono anche adottarle, seguendone poi la guarigione sul web. Spettacolari poi il suo bar a forma di barca e la piscina a sfioro sulla laguna. Da non perdere, le prelibatezze della chef Angéle Ting, che propone un’originalerivisitazione creativa del poisson cru tradizionale.

Ed è sempre il pesce, messo in mostra su un vistoso bancone all’ingresso, il piatto forte del ristorantepiù conosciuto dell’isola: Le Bloody Mary’s a Vaitape. Prima di sedersi al tavolo si sceglie tra quelli esposti, che poi vengono serviti in infinite ricette. Il tutto ovviamente annaffiato dalla versione polinesiana del Bloody Mary. Da intenditori coraggiosi: piccantissima e speziata.

Vaitape è il posto giusto anche per un altro classico: i tatuaggi. Secondo i polinesiani, l’arte di tatuare (tatau, letteralmente scalfire, battere) avrebbe un’origine divina, creata da due figli del dio Ta’aroa, Mata Mata Arahu e Tu Ra’i Po. Perciò gli artisti, prima di iniziare la cerimonia dei tatuaggi, invocano le due divinità affinché i disegni riescano bene. Questo fa anche Dino Dexter che, nel suo studio Bora Bora Ink riproduce disegni tribali e ricami antichi. «Come vuole la tradizione, io lavoro solo con il nero e creo figure geometriche con linee parallele a zig zag, spirali, circoli, triangoli, curve, punti. Ma amo anche molto quello che io chiamo “personalizzare”: ascoltare cioè i desideri e le fantasie delle persone e poi realizzarli sulla pelle». Il costo di un tatuaggio? Da 80 euro.

Questo slideshow richiede JavaScript.

(fonte Viaggi24) –

Tag:

Categorie: Australia e Oceania, Mare, Speciale Sposi

Iscriviti alla nostra Community

Compila i campi testo qui a lato per registrarti ed accedere alla Sezione Utenti Registrati. Avrai così accesso a molte opportunità tra cui la possibilità di condividere le tue esperieze.

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: