Into the wilde

Bike tour in Harley Davidson sui monti di Salisburgo, itinerari nella natura aspra della Turchia. Ma anche le tavolate dell’Oktoberfest, gli atelier trendy di Anversa, la movida autunnale di Copenaghen. Ecco le proposte per la vacanza che (forse) non avete mai osato immaginare: quella che si fa soli. Perché ogni
partenza è sempre un’avventura. Da spiriti liberi. E in cerca di emozioni.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Chi brama una svolta radicale alla Into The Wild, cerchi altrove. E chi sospetta un deprimente tentativo dedicato ai cuori solitari, ha
sbagliato strada. Questa è una proposta per veri avventurieri. Un viaggio dedicato, pensato e preparato su misura. La propria misura. Con il gusto di improvvisare, di lasciarsi trasportare dagli eventi e dalle situazioni, di fare incontri inaspettati e di non dipendere da nessuno. Assecondando la propria personalissima idea di relax. Senza dover soddisfare, far combaciare e assecondare, per una volta, le esigenze di compagni, amici, figli o parenti.

 

LA VIA ALPINA, AVVENTURE IN SOLITARIA
Partiamo dal viaggio da avventurieri solitari per eccellenza. Termina a fine ottobre il periodo consigliato per affrontare la rete di sentieri della Via Alpina, che si snoda, con i suoi diversi itinerari, da Trieste al Principato di Monaco.
Con tre livelli di difficoltà e vari colori a distinguere i diversi tracciati. Tuttavia ci sono percorsi adatti a tutte le stagioni: Giallo, Rosso e Blu. È comunque buona norma pianificare le tappe controllando che i tracciati siano praticabili.
Chi parte (o termina il percorso) in Trentino, poi, fino ai primi di ottobre potrà provare l’iniziativa Rifugi del Gusto. Accoglienza tipica di montagna e piatti della tradizione: menù con trota marinata all’aceto di mele, canederli alle erbe e ai formaggi, guanciale di maiale al Trentodoc con polenta o purè, bevande comprese, a 16 euro.

MALAGA, FLAMENCO DA SPIAGGIA
Voglia di Spagna, di flamenco e di ultimi scorci di estate? Se amici e compagni propongono sempre Barcellona, voi decidete di testa vostra e, questa volta, puntate su Malaga. Con un biglietto singolo. Soluzione perfetta per assaporare un break solitario di tendenza. Ci si arriva in poche ore e in questa stagione assicura temperature ottimali. Dal centro si passeggia lungo Calle Molina Lario e tra le viuzze a ritmo di flamenco: la danza gitana è di casa alla Bodega bar El Pimpi (Calle Granada 62, tel. +34.952228990), dove è facile incontrare qualcuno con cui ballare. Quindi si arriva al porto e si continua verso est, lungo il rigoglioso Paseo del Parque, scoprendo un susseguirsi di ampie spiagge animate dalla musica (e dai profumi) proveniente dai numerosi chiringuitos: la Malagueta, La Misericordia, San Andrés. Dopo un rilassante bagno di sole, prima di prepararsi alla serata, si possono scoprire le meraviglie culturali della città di Picasso: oltre alla casa e al museo del padre del cubismo (Palacio de Buenavista, calle San Agustín 8, tel. +34.902.443377), merita una visita il Centro de Arte
Contemporáneo
(Calle Alemania, tel. +34.952.120055) dove fino al 9 ottobre sono in mostra Le Metamorfosi e altri miti di Guillermo Pérez Villalta.

SALISBURGO, SUGGESTIONI ALPINE
Che sia una volta all’anno o una volta nella vita, bisogna avere il coraggio di farlo. Prendere e partire. Per ricaricare le pile, per trarre ispirazione, per ritrovare l’entusiasmo bisogna rallentare i ritmi. Trovandone di nuovi ed emozionanti. Le suggestioni arriveranno sui
Monti del Salzkammergut, dove numerosi sentieri permettono di ammirare lo spettacolo naturale da più prospettive: il lago Wolfgangsee, a una trentina di chilometri da Salisburgo, la città natale di Wolfgang Amadeus Mozart, è un’oasi alpina dove trascorrere qualche giorno di pace. Non necessariamente in silenzio: colonna sonora di un weekend da single può essere il rombo di una Harley Davidson Sportster 883, che si noleggia all’hotel Cortisen am See (Roland Ballner, Pilger Straße 15, St. Wolfgang, Austria, tel. +43.6138.2376).
L’albergo (for adults only) dispone anche di un Cigar Bar per veri intenditori, oltre che di Spa e Jacuzzi in camera.

 
ANVERSA, LIFESTYLE CITTADINA
Questa città è la scelta di rottura dedicata a chi professa un lifestyle personale e sta facendo il pieno di idee durante la fashion week milanese. Ma per i suoi acquisti ha bisogno di tempo, non di annoiati compagni. Gli e le shopping addicted preparino le carte di
credito
. Anversa passa dagli abiti bohémien dello stilista belga Dries Van Noten (Het Modepaleis, St Andries, Nationalestraat 16, tel. +32.34702510) alle collezioni degli esponenti più noti del fashion fiammingo, come Ann Demeulemeester, Jurgi Persoons e Raf Simons, raccolte da Louis (Lombardenstraat 4, tel. +32.32329872).
Per esagerare si può fare incetta di pietre preziose da Diamondland (Appelmansstraat 33A, tel. +32.32292990), dove si possono osservare gli
artigiani al lavoro. Per studiare nuovi modelli c’è il Museo della Moda (Nationalestraat 28, tel. +32.34702770) con la sua ricchissima libreria e,
fino al 19 febbraio2012, la colorata retrospettiva Dream the world awake dedicata al designer Walter Van Beirendonck. Si può raggiungere
la città anche facendo prima tappa nella multiculturale Bruxelles, dove hanno sede la Commissione e il Consiglio dell’Unione europea ed è facile fare incontri internazionali, magari sorseggiando un drink nell’antico mercato coperto in Palce du St Géry, oggi fulcro della night life cittadina.
DAYLAN, TRA LE ROVINE E IL DIVERTIMENTO (IN TURCHIA)
Meno modaiola, ma perfetta per chi vuole unire avventura, mare, relax e divertimento a portata di mano. Si chiama Daylan, città a 30 minuti dall’aeroporto di Dalaman . La spiaggia di Iztuzu, ad esempio, si raggiunge solo via mare, è un luogo riservato e, da qualche anno, dichiaratamente eco-friendly. Meta di grande impatto (culturale) sono le antiche rovine di Caunos, con il teatro e il tempio di Apollo. Caicchi e golette a motore da affittare a Marmaris possono condurre gli amanti della navigazione in solitaria a Bodrum e Kas. Gli amanti delle
atmosfere orientaleggianti e degli incontri inaspettati facciano un giro al mercato di Koycegiz e per godersi momenti di relax tra natura, cascate e acque fresche, visitino l’omonimo lago. E la sera, sul lungo fiume, non resta che rilassarsi sul lungofiume con la musica dal vivo del piccolo ma
suggestivo Sunray (Maras Mah, 48840 Dalyan).

MONACO, IL FASCINO DELLE BIONDE
Monaco caput mundi. Ma per sole due settimane, in occasione dell’Oktoberfest. Fino al 3 ottobre l’area di Theresienwiese viene trasformata in un gigantesco luna park con i suoi Festhalle, i principali stand delle birrerie storiche della città. Tra le più famose e festaiole: la Paulaner
(Hochstraße 77 D-81541). Il vero, tradizionale e principale obiettivo qui è uno solo. Bere (tanta) buona birra, mangiare gli ottimi piatti tipici
e lasciarsi trascinare dal clima di festa. Tanto più che la città mantiene, nonostante i grossi eventi di cui è protagonista, ottimi livelli di
sicurezza
. Merito degli spazi contenuti e del forte dispiegamento di polizia in borghese. Che si assicurerà che prendiate tranquillamente la
via di casa.

ATENE, NIGHTLIFE VISTA PARTENONE
Una città economica e una meta che, se visitata da soli, permette di cedere ad un solo compromesso. Il proprio. Voglia di avventura e di
cultura? Qui si spazia dal Partenone al Museo Archeologico, dall’Agorà all’Acropoli. Per un momento di riposo si scelga la Plaka con le sue chiese e, soprattutto, con Brettos, un antico bar-distilleria, risalente al 1909 (41, Kidathineon Street, Plaka. Tel +30 2103232110). Per sorseggiare liquori alla frutta, ouzo o brandy. Shopping multietnico, artigianato tradizionale sopravvissuto fino ad oggi e declamazioni
poetiche di strada si trovano invece nel quartiere di Psiri. Nightlife di tendenza? La scelta è per Villa Mercedes (Andronikou & Tzaferi 11, tel +30 2103422606, +30 2103422 886), elegante dimora cittadina dov’è possibile scatenarsi a notte fonda nel dancefloor su musica lounge. Per chi invece preferisce atmosfere tecno e cocktail memorabili, c’è il Galaxy Bar (ultimo piano Hilton Athens, 46 Vassilissis Sofias Avenue, tel: +30 2107281000, fax: +30 2107281111), per bere un drink chiamato giustamente Jupiter. Di fronte all’Acropoli illuminata.

COPENAGHEN, TEMPO DI DESIGN
Una meta di stile, di tendenza. La vacanza creativa alla ricerca della propria ispirazione e di avventure cittadine. La vita notturna della capitale danese è recentemente rinata da Kødbyen, il Meatpacking District, ossia l’ex mattatoio dove ora fioriscono locali alla moda come il Karriere
(Flaesketorvet 57-67, tel. +45 33215509), famoso per le installazioni luminose di artisti contemporanei, e il Fiskebaren (Flæsketorvet 100, tel. +4532155656), ristorante dallo stile minimalista rinomato per il pesce freschissimo e reso unico da un acquario di mille metri con meduse. Ma Copenaghen è anche sinonimo di design e arte contemporanea: all’Arken (Skovvej 100, Ishøj, tel. +45 43540222), fino all’11 gennaio si riscopre il pop di Andy Warhol e Jean-Michel Basquiat. Mentre al Louisiana (Gl. Strandvej 13, Humlebæk, tel. +45 49190719), mezz’ora fuori dalla città e con uno splendido giardino sul mar baltico, sono raccolti oltre tremila opere di artisti di primo piano come Jean Dubuffet e Yves Klein.
COLONIA, UNA PARENTESI GOURMAND
Se potete regalare a voi stessi solo un breve weekend, atterrate qui. Città non troppo lontana da casa, ma perfetta per una parentesi tutta personale. Che può essere dedicata alle originali vetrine delle frequentatissime Schildergasse e Hohe Strasse, che arrivano fino all’imponente Duomo, il più grande della Germania. Oppure agli incontri glam e gourmand, per assaggiare cocktail trendy nella vivace e multiculturale zona universitaria. Oppure ancora a Friesenviertel, l’ex quartiere a luci rosse dove ora sorgono sushi bar (come Kintaro, il primo e ancora uno dei migliori e più eleganti ristoranti giapponesi della città, in Friesenstrasse 16, tel. +49 221135255). E dopo una nottata di bagordi, ci si coccola con una colazione al caffè del Museo del cioccolato (Am Schokoladenmuseum 1, tel. +49 2219318880). Da non perdere, il 5 novembre, la Lange Nacht der Kölner Museen, la notte bianca della cultura: i musei della città, aperti eccezionalmente fino alle tre del mattino, ospiteranno performance live di artisti emergenti.

Tag:, , , , , , , , , , ,

Categorie: Città d'arte e Capitali Europee, Corto raggio (fino a 3 ore di volo), Italia, Laghi, fiumi e agriturismi, Mare, Montagna, Sport e avventura, Viaggi d'Autore, Week-end, Young Peolpe

Iscriviti alla nostra Community

Compila i campi testo qui a lato per registrarti ed accedere alla Sezione Utenti Registrati. Avrai così accesso a molte opportunità tra cui la possibilità di condividere le tue esperieze.

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: